Packaging ed etichette intelligenti: la digitalizzazione a sostegno della sostenibilità

Gli inserti RFID (Radio-Frequency Identification), mix di innovazione tecnologica e
sostenibilità, sono un’evoluzione chiave nella digitalizzazione del packaging. La
potenzialità della tecnologia RFID è emersa anche alla recente Paris Packaging Week,
una delle principali fiere mondiali del packaging di lusso, tenutasi a Parigi il 29 e 30 giugno
2022.

Gli analisti del settore prevedono un boom del mercato RFID nei prossimi anni, con una
crescita fino a 22,2 miliardi di dollari entro il 2032 (IDTechEx). Si sta investendo, e si
investirà sempre di più, in questa tecnologia per i numerosi vantaggi che offre in termini di
accuratezza dell'inventario, efficienza della catena di fornitura e gestione della logistica,
protezione del brand e nuove opportunità per migliorare la user-experience.
Attraverso la tecnologia RFID è infatti possibile identificare in modo univoco un prodotto e
il suo packaging, raccogliendo progressivamente i dati chiave lungo tutta la catena di
fornitura e consentendo la piena visibilità e il monitoraggio di parametri essenziali, come la
temperatura nel caso di prodotti deperibili. I vantaggi non si fermano al punto vendita, ma
si estendono potenzialmente oltre, dove la tecnologia RFID consente di coinvolgere i
consumatori con contenuti personalizzati, fino alla gestione efficace ed efficiente del "fine
vita" del prodotto. In questo modo, il "passaporto digitale del prodotto" può diventare realtà
su larga scala: i dati automatizzati e digitalizzati del prodotto catturano ogni fase del ciclo
di vita dello stesso, dalla produzione alla distribuzione, dai negozi al dettaglio ai
consumatori, e dall'uso circolare al riciclaggio.

Come funziona la tecnologia RFID?
Il suo cuore è costituito dagli inserti RFID, piccoli transponder di segnali radio privi di
batteria, in grado di restituire un'identità digitale univoca e altri dati a lettori dedicati (nelle
applicazioni aziendali) o a comuni smartphone (nelle applicazioni consumer). Un inserto
RFID consiste in un minuscolo chip di silicio collegato ad un’antenna conduttiva su un
supporto di carta o PET, piatto e per lo più completamente invisibile, incorporato in
un'etichetta o in un prodotto. Una volta collegato a un prodotto, l'inserto RFID identifica il
prodotto stesso: l'Internet delle cose si concretizza.

RFID: gestione più sostenibile della catena di fornitura e dei consumi
La tracciabilità svolge un ruolo fondamentale nel migliorare la sostenibilità delle catene di
fornitura: garantire la consegna della giusta quantità di prodotti al momento giusto e nel
posto giusto aiuta a ridurre lo spreco di risorse naturali e a minimizzare l'impatto
ambientale di ogni attività. In particolare, la tecnologia RFID può aiutare a ottimizzare le
quantità dell’inventario, minimizzare il livello di spreco nel caso di articoli deperibili e a
ottimizzare la logistica riducendo le relative emissioni di CO2. Infine, la tecnologia RFID può
fornire informazioni precise e tempestive sulla riciclabilità dei prodotti e dei packaging,
oltre a rendere più efficace la gestione automatizzata dei rifiuti, ad esempio la
differenziazione automatica.
In sintesi, la tecnologia RFID rappresenta una grande opportunità per ridurre i rifiuti e
aumentare il riciclaggio, incentivando sia le aziende che i consumatori.
(envirotechmagazine.com).

"Rivoluzione intelligente”
La tecnologia RFID si sta evolvendo rapidamente. Il Gruppo Fedrigoni è entrato in questo
mondo con l'acquisizione della quota di maggioranza di Tageos e quindi della sua
esperienza nella progettazione, sviluppo e produzione di inserti e tag RFID. Integrando la
tecnologia di Tageos al portfolio del nostro gruppo, è possibile offrire ai clienti Fedrigoni, e
non solo, un'interessante gamma di innovazioni nel campo dello "smart packaging" (nella
divisione Paper) e delle "smart labels" (nella divisione Self-Adhesives). Combinando il
nostro distintivo know-how sulle applicazioni in carta con l'esperienza RFID di Tageos,
portiamo su mercati esistenti e nuovi soluzioni innovative, personalizzate e certificate (dal
laboratorio RFID dell'Università di Auburn).

Per saperne di più su come facciamo progressi nel mercato RFID

Potrebbe interessarti anche
 

Cover

Rifiuti pre e post consumo, un impatto differente

Misurare l’impronta ambientale di un prodotto nel suo intero ciclo di vita è molto importante per le aziende che si ispirano ai principi dell’economia circolare. Quando si parla di impronta carbonica di prodotti con contenuto riciclato entrano in gioco solitamente due definizioni: il riciclo di rifiuti pre- consumo (o PRE-cw, Pre-consumer waste); e il riciclo...
Cover

Compensazione di CO2, le strade verso la neutralità carbonica

Per assorbire tutto il carbonio che emettiamo globalmente occorrerebbe riforestare 1,6 miliardi di ettari di terra, equivalenti a 5 volte le dimensioni dell’India. Non abbiamo abbastanza suolo per farlo, quindi per raggiungere la neutralità carbonica entro il 2050, è necessario innanzitutto ridurre le emissioni di CO2 e, in ultimo, compensare quelle incomprimibili (ultimo rapporto di...
Cover

Science Based Target initiative (SBTi): standard e collaborazione per ridurre le emissioni di CO₂

La “Science Based Targets initiative” (SBTi) è un partenariato promosso dal UN Global compact (UNGC), dal World Resource Institute (WRI), dal CDP (Carbon Disclosure Project) e dal WWF. Nato per dare attuazione all’Accordo di Parigi del 2015, è stato sottoscritto dagli Stati membri in occasione della COP21 (Conferenza delle Parti dell’UNFCCC, la Convenzione quadro delle...