Greenwashing, come riconoscerlo

Oggi, la ricerca della buona reputazione green spinge le aziende a evidenziare nella
comunicazione e nel marketing le proprie caratteristiche di sostenibilità, sebbene in molti casi ciò avvenga in modo ambiguo e non del tutto trasparente. Determinate affermazioni possono infatti risultare fuorvianti e distinguere tra greenwashing e dichiarazioni affidabili non si rivela facile. Coniato nel 1983 dall'ambientalista Jay Westerveld, il termine greenwashing indica l’immagine di “una pennellata di vernice verde passata sopra”, ovvero il dare una parvenza green ad azioni che nascondono aspetti non così realmentevirtuosi.

Come è possibile quindi verificare la veridicità di determinate affermazioni? Ci sono diversi segnali che si possono cogliere: in questa pillola di sostenibilità ne abbiamo evidenziati sette.

Fedrigoni dedica estrema attenzione a raccontare con trasparenza i propri prodotti e la loro identità, anche nelle caratteristiche di sostenibilità. Dichiariamo solo ciò che è
dimostrabile e misurabile, progresso dopo progresso.

Le Pillole di Sostenibilità sono redatte dal Sustainability Team di Fedrigoni.

PDFLeggi e scopri di più

Potrebbe interessarti anche
 

Cover

Perché è necessaria la transizione ‘plastic to paper’

I soli imballaggi in plastica rappresentano il 26% del volume totale della plastica prodotta e utilizzata nel mondo e, nonostante offrano benefici economici diretti e indiretti (in partico-lare il livello di conservazione delle merci e il consumo di carburante per il trasporto grazie al peso ridotto dell’imballaggio), il loro basso livello di riciclo li rende...